Consulta per la cooperazione

La Consulta regionale per la Cooperazione

La Legge Regionale 20/03 (artt. 6 e 7) prevede che presso l'assessorato regionale competente in materia di attività produttive è istituita la consulta regionale per la cooperazione, con il compito di proposta, valutazione e verifica delle politiche regionali per la cooperazione. 

La Consulta formula osservazioni e avanza proposte sul fenomeno regionale della cooperazione ed esprime parere obbligatorio sulle proposte dei piani regionali per la cooperazione.

La consulta è composta da:

  • l’assessore regionale competente in materia di attività produttive che la presiede, o un suo delegato;
  • il presidente e i vicepresidenti della commissione consiliare competente in materia attività produttive;
  • un esperto in materia di attività produttive indicato dal Presidente della Giunta regionale;
  • un rappresentante per ciascuna delle organizzazioni regionali del movimento cooperativo riconosciute dal MISE;
  • tre dirigenti o dipendenti regionali di categoria non inferiore a D, designati dall'assessore regionale competente in materia di attività produttive.

Con Decreto del Presidente n. T00219/2018  allegato alla pagina è stata nominata la Consulta della Legislatura XI.

CONTATTI