Sei in: Home \ cultura \ biblioteche, musei, archivi e istituti culturali \ biblioteche, musei, archivi e istituti culturali

BIBLIOTECHE, MUSEI, ARCHIVI E ISTITUTI CULTURALI

Nel Lazio esiste una fitta rete di servizi culturali - musei, biblioteche ed archivi storici – che operano come  strutture di base per l'accesso alla cultura e costituiscono strumenti di coesione sociale e di sviluppo del territorio. A partire dagli anni ’70 del Novecento, la Regione Lazio ha sostenuto il loro funzionamento con contributi destinati all’allestimento e alla manutenzione delle sedi, all’acquisto di libri, attrezzature e materiali, alla realizzazione di attività, manifestazioni e progetti educativi. Sono state istituite l’Organizzazione Bibliotecaria Regionale (OBR) e l’Organizzazione Museale Regionale (OMR), che comprendono biblioteche e musei che la Regione Lazio riconosce ed accredita.

Anche le Fondazioni e gli  Istituti culturali privati aperti al pubblico vengono riconosciuti attraverso l’iscrizione ad un apposito Albo e sostenuti economicamente per le loro attività.

Per favorire la collaborazione tra i diversi servizi culturali, migliorare la gestione  e la qualità dei  servizi al pubblico è stata incoraggiata ed attivata la costituzione di Sistemi  bibliotecari, museali, archivistici o a tipologia mista,  all’interno dei quali si realizzano progetti di rete - destinati cioè allo sviluppo dei sistemi nel loro complesso - che sono sostenuti da appositi finanziamenti.

Nuove disposizioni del Ministero Beni e Attività Culturali e Turismo, strategie a livello europeo, raccomandazioni di organismi internazionali hanno avuto riscontro nelle normative regionali.  La Regione Lazio ha approvato un nuovo documento di programmazione per il triennio 2019-2021 e alla fine del 2019 ha varato  una nuova legge di settore, L.R. 15 novembre 2019, n. 24 “Disposizioni in materia di servizi culturali regionali e di valorizzazione culturale” (BUR n. 93 del 19.11.2019), che sostituisce la legge regionale 42/1997. Le novità principali della nuova normativa - - che è sostanzialmente rivolta al potenziamento del servizio di utilità sociale, pubblico o privato, svolto dai servizi culturali – riguardano diversi aspetti. Richiamando le definizioni contenute nell'articolo 101 del Codice dei Beni culturali (D.Lgs n. 42/2004),  la legge riguarda, oltre Musei, Archivi e Biblioteche, anche  Parchi archeologici,  Case - Museo, Musei all'aperto ed Ecomusei, che possono entrare a far parte dell’OMR, parallelamente a quanto previsto dal costituendo Sistema Museale Nazionale istituito dal Ministero Beni e Attività Culturali e Turismo (DM 113/2018).

Il testo introduce inoltre l’Organizzazione Archivistica Regionale (O.A.R.) che accredita archivi di enti pubblici e privati e  sistemi archivistici. Riconosce i Sistemi integrati di servizi culturali, composti da biblioteche, musei e archivi storici di una determinata area e ne incoraggia forme coordinate di gestione, oltre che di condivisione di iniziative. L’accesso ai Sistemi integrati sarà possibile anche agli Istituti culturali regionali e a Servizi culturali di proprietà statale, in un'ottica di progressivo superamento della titolarità del servizio culturale e di allineamento con quanto esplicitamente previsto dal citato Sistema Museale Nazionale.