Sei in: Home \ sala stampa \ dettaglio notizia

  

  

DOPO IL SISMA: ACCORDO PER RICOSTRUZIONE OSPEDALE AMATRICE

L’accordo prevede la possibilità,  da parte dei lavoratori del comparto della Sanità privata del Lazio, di devolvere un contributo economico per la ricostruzione. L’accordo fa seguito a quello firmato  per i dipendenti della sanità pubblica. Complessivamente i lavoratori coinvolti tra settore pubblico  e settore privato sono circa ottantamila

16/09/2016 - La Regione firma un accorso con Cgil, Cisl e Uil, AIOP e ARIS Lazio per continuare a sostenere gli sforzi di ricostruzione delle zone colpite dal terremoto dello scorso 24 agosto. L’accordo prevede la possibilità,  da parte dei lavoratori del comparto della Sanità privata del Lazio, di devolvere un contributo economico per la ricostruzione. L’accordo fa seguito a quello firmato  per i dipendenti della sanità pubblica. Complessivamente i lavoratori coinvolti tra settore pubblico  e settore privato sono circa ottantamila. 

Il contributo sarà destinato alla realizzazione del nuovo Ospedale di Amatrice, così come previsto dall’Accordo con Aiop e Aris. I dipendenti che vorranno aderire ne daranno comunicazione al proprio datore di lavoro, devolvendo il corrispettivo di almeno un’ora lavorativa o multipli di ore. Gli imprenditori da parte loro oltre a provvedere al versamento del contributo aggiungeranno una somma equivalente sul conto corrente bancario.IBAN  IT60 P 02008 05255 000 104428939 intestato a: “Regione Lazio per Amatrice Accumoli” con indicazione della seguente causale: FONDO SOLIDARIETA’ TERREMOTATI LAVORATORI E IMPRESE  SANITA’ PRIVATA  LAZIO. 

Le Associazioni datoriali raccoglieranno i dati relativi ai versamenti e li forniranno ai firmatari del Patto. L’obiettivo è che questo ulteriore gesto di solidarietà proposto dalle Organizzazioni sindacali e datoriali e pienamente condiviso dalla Regione Lazio venga accolto con grande e sentita partecipazione dai lavoratori della sanità privata del Lazio.