Sei in: Home \ sala stampa \ dettaglio notizia

  

  

PSR: APPROVATI I FINANZIAMENTI PER 14 GAL, 70 MILIONI DI EURO SUI TERRITORI

I Gal, i Gruppi di Azione Locale, sono partenariati di enti pubblici e privati che condividono un progetto di sviluppo sul proprio territorio orientato a migliorare l’economia e la qualità della vita dei cittadini. Grazie al finanziamento complessivo di 70 milioni di euro nell’ambito della Programmazione di Sviluppo Rurale 2014-2020 ora ne partono 14, una buona notizia per la promozione delle tipicità agroalimentari e delle economie legate all’artigianato e al turismo, la valorizzazione del paesaggio rurale, il miglioramento dei borghi rurali e delle infrastrutture

28/10/2016 - Partono oggi i 14 Gal, Gruppi di Azione Locale, che possono attivare nel Lazio i Piani di Sviluppo Locale presentati alla Regione grazie al finanziamento complessivo di 70 milioni di euro nell’ambito della Programmazione di Sviluppo Rurale 2014-2020. In particolare per la misura sono stati stanziati 10 milioni in più rispetto all’iniziale budget.

Cosa sono i Gal? Partenariati di enti pubblici e privati che condividono un progetto di sviluppo sul proprio territorio orientato a migliorare l’economia e la qualità della vita dei cittadini. Vista la grande partecipazione al bando pubblico sulla misura della progettazione territoriale, l’Assessorato all’Agricoltura – spiega Hausmann - ha deciso di ammettere ai finanziamenti un totale di 14 GAL, anziché 12. Un risultato eccezionale se si pensa che la programmazione precedente ne aveva sostenuti complessivamente 8.

I GAL che attiveranno i finanziamenti approvati dalla Regione Lazio sono: Futur@niene, Turano Monti Sabini, Terre di Argil, Aurunci e Valle dei Santi, In Teverina, Vette Reatine, Castelli Romani e Monti Prenestini, Salto-Cicolano, Sabino, Monti Lepini, Ernici Simbruini, Etrusco Cimino, Terre di Pre.Gio., Alto Lazio. Ciascuno di essi avrà a disposizione 5 milioni di euro.

Tra gli interventi previsti: la promozione delle tipicità agroalimentari e delle economie legate all’artigianato e al turismo, la valorizzazione del paesaggio rurale, il miglioramento dei borghi rurali e delle infrastrutture. I compiti di gestione e di controllo degli interventi saranno diretta responsabilità dei componenti dei Gruppi, che dovranno mettere in atto una forte capacità di condivisione e di dialogo per rendere lo sviluppo davvero a beneficio di tutti”.

“Per quanto riguarda le altre proposte giunte alla Regione e al momento escluse dai finanziamenti il nostro obiettivo è che lo sforzo progettuale espresso non vada perso ma piuttosto riattivato grazie alle altre opportunità contenute nel PSR, con particolare riferimento alla specifica misura che prevede il sostegno ai servizi di base e al rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali”- parole di Carlo Hausmann, assessore all’Agricoltura, Caccia e Pesca.