Sei in: Home \ sala stampa \ dettaglio notizia

  

  

CORONAVIRUS: NUOVA ORDINANZA REGIONALE, CONSENTITI ANCHE INTERVENTI SU STRUTTURE AMOVIBILI DI CONCESSIONI BALNEARI E CAMPEGGI

Autorizzati in stabilimenti balneari, chioschi di spiagge libere con servizi e campeggi anche allestimento e manutenzione delle strutture amovibili. Consentite anche, in materia di cantieristica navale, la "consegna di magazzino" e le attività propedeutiche allo spostamento e alla consegna dei natanti

18/04/2020 - È stata emanata dalla Regione Lazio un’ordinanza , la Z00032, che integra i contenuti di quella pubblicata il 15 aprile scorso – la n. Z00028 – che consentiva al personale di accedere alle concessioni con finalità turistico ricreative su demanio marittimo e lacuale (ossia stabilimenti balneari marittimi e lacustri e chioschi di spiagge libere con servizi) e alle strutture ricettive all’aria aperta (campeggi), per svolgere attività di manutenzione, vigilanza, pulizia e sanificazione.

Il provvedimento, nello specifico, precisa che tra le attività consentite dall’ordinanza precedente sono comprese quelle di allestimento e manutenzione delle strutture amovibili di concessioni balneari e campeggi. Viene poi specificato che la pulizia potrà essere effettuata anche con mezzi meccanici e che la sanificazione potrà riguardare anche gli arenili.

Inoltre, questo provvedimento prevede delle novità per quanto riguarda la cantieristica navale: sono autorizzate, in questo ambito, la "consegna di magazzino", le attività propedeutiche allo spostamento dei natanti dal cantiere all'ormeggio e quelle connesse, comunque finalizzate alla consegna dei natanti, previa comunicazione al Prefetto.

Tutti gli interventi previsti dall’ordinanza dovranno essere realizzati, a tutela degli operatori, nel pieno rispetto delle disposizioni sanitarie nazionali e regionali vigenti, con particolare riguardo ai contenuti del "Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffuzione del virus COVID-19 negli ambienti di lavoro", sottoscritto il 14 marzo 2020 fra il Governo e le parti sociali.