Sei in: Home \ sanita' \ screening oncologici \ colon retto

Colon retto

Il carcinoma del colon-retto è il secondo tumore più frequente per insorgenza sulla popolazione generale (rapporto AIOM 2016).

Il Percorso di Screening dei tumori del colon-retto

Lo screening dei carcinomi colorettali mira a identificare precocemente le forme tumorali invasive, ma anche a individuare e rimuovere possibili precursori.

Recependo le linee guida emanate dalla Commissione Oncologica Nazionale, le raccomandazioni del Ministero della Salute del 2006, il Piano Nazionale della Prevenzione e l'ultimo Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018, lo screening deve essere implementato sull'intero territorio rispettando i seguenti requisiti organizzativi:

  • Periodicità biennale
  • Fascia di età raccomandata: 50 - 74 anni
  • Test di screening: test immunochimico per la ricerca del sangue occulto fecale (SOF)
  • Approfondimenti diagnostici nei soggetti positivi al test di screening: colonscopia eventualmente completata con colonscopia virtuale o clisma opaco a doppio contrasto

La Regione Lazio ha attivato, sin dal 2005, uno studio di fattibilità (DGR 1740/02) per sperimentare diverse modalità organizzative per lo Screening del tumore del colon-retto. I risultati ottenuti hanno permesso di definire il nuovo Modello Organizzativo.

Modello Organizzativo e Protocollo Diagnostico-Terapeutico per i Programmi di Screening dei tumori del colon-retto

Basandosi sulle raccomandazioni del Ministero della Salute e sulle recenti Linee Guida Europee (2011) il gruppo di lavoro regionale, con il contributo delle società scientifiche (AIGO, SIED, SIGE, ISSE),del GISCoR (scheda GISCoR) e dell'Osservatorio Nazionale dello Screening, ha elaborato un documento che definisce il Modello Organizzativo e i protocolli diagnostico-terapeutici per garantire la qualità dei programmi di screening. A gennaio 2017 è stato emanato il DCA 30/2017 riguardante il percorso assistenziale per la prevenzione e la gestione del tumore del colon e del retto nel Lazio e  che include il protocollo di screening e i protocolli di sorveglianza.