Sei in: Home \ sanita' \ sala stampa \ dettaglio notizia

SANITÀ: NUOVO REGOLAMENTO SU REGISTRO TUMORI PER MIGLIORE ASSISTENZA AI MALATI

Dalla prevenzione alla raccolta dati, dall’informazione al monitoraggio dei programmi di screening. La Giunta ha approvato il regolamento relativo al Registro tumori della Regione Lazio. Uno strumento importante per migliorare le cure e l’assistenza

27/07/2016 - “Regolamento di attuazione e integrazione della legge regionale 12 giugno 2015, n. 7” sull’istituzione del Registro Tumori della Regione Lazio. È stato approvato dalla Giunta e ora seguirà il parere della Commissione Sanità del Consiglio regionale della Pisana e dell’Autorità Garante della Privacy, per il trattamento dei dati personali.

Gli obiettivi del registro saranno molteplici:
  • raccogliere ed elaborare dati completi sui casi di tumore, anche infantile, che si verificano nella popolazione della Regione;
  • fornire materiale di consultazione per progetti regionali, nazionali e internazionali nel campo dell’oncologia;
  • supporto su cure palliative e terapia del dolore per i piani regionali;
  • valutare appropriatezza dei trattamenti terapeutici in oncologia e rilevare eventuali differenze nell’accesso alle cure erogate, in relazione alle condizioni socio-economiche e all’area geografica di provenienza;
  • interventi di prevenzione primaria e valutazioni per l’attivazione di campagne di diagnosi precoce, come gli screening oncologici;
  • monitorare risultati dei programmi di screening tradizionali e/o sperimentali, attivi nelle aziende sanitarie locali;
  • supporto per studi epidemiologici finalizzati all’analisi dell’impatto dell’ambiente sull’incidenza della patologia oncologica;
  • informazione continua e completa per la popolazione della Regione, anche in relazione a episodi di concentrazioni spazio-temporali di casi oncologici anomali e al di fuori delle medie nazionali.
“È un passo importante nel contrasto alle malattie tumorali – sottolinea il Presidente Nicola Zingaretti - che migliora l’efficacia e l’efficienza dell’assistenza ai malati e risponde così a una norma di legge voluta dal Consiglio Regionale”.

Per svolgere le diverse mansioni, il Registro sarà collegato alle Unità funzionali (Uf) presenti nelle strutture del Lazio: da quella della Città metropolitana di Roma, dove si trova l’Istituto Nazionale Tumori “Regina Elena”, a quelle delle Asl di Frosinone, Latina, Rieti, Viterbo, all’unità funzionale regionale dei tumori infantili, presso il Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale del Lazio.