Sei in: Home \ sanita' \ sala stampa \ dettaglio notizia

SANITA’: UNA NUOVA CASA DELLA SALUTE A CECCANO


Con l’apertura della Casa della Salute 3 novità oltre i servizi già presenti: l’unità di Degenza Infermieristica (UDI) con 15 posti letto; l’Odontoiatria Sociale; la presa in carico dei pazienti cronici. È una rete giovane, che sta rispondendo però in maniera importante nei territori

20/12/2017 - Aperta oggi a Ceccano, in provincia di Frosinone, la 16° casa della Salute del Lazio: è la 5° in questa provincia dopo le strutture di Pontecorvo, Atina, Ceprano e Ferentino. La Regione ha trasformato questo presidio territoriale in una Casa della Salute potenziando e migliorando i servizi offerti in questa provincia. In particolare qui abbiamo investito 420 mila euro per una struttura importante che gravita sul distretto b di Frosinone con altri 4 comuni coinvolti (Patrica, S. Giuliano di Roma, Villa Santo Stefano, Arnara) con un bacino di riferimento di oltre 34.000 abitanti. 

Tante novità possibili e più assistenza e servizi per i cittadini. Con l’apertura della Casa della Salute 3 novità oltre i servizi già presenti: l’unità di Degenza Infermieristica (UDI) con 15 posti letto; l’Odontoiatria Sociale; la presa in carico dei pazienti cronici mediante il PDTA - Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale, diabete e BPCO - Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva. Ossia la medicina d’iniziativa mediante la presa in carico integrata, tra diversi professionisti a sostegno dei pazienti con patologie croniche e degenerative.

Vai qui per scoprire dove si trovano tutte le strutture aperte sul territorio

I due nuovi obiettivi per le Case della Salute:

1.     La presa in carico dei pazienti cronici. Anche in questa struttura si sperimenta un modello innovativo di presa in carico dei malati cronici. Le Case della Salute dovranno diventare sempre più il punto di riferimento per la presa in carico dei pazienti con malattie croniche.

2.     La sanità digitale. Le Case della Salute potranno diventare i terminali per i nuovi servizi digitali ai cittadini. C’è un processo in atto di costruzione, ci sono risorse per metterlo in atto, c’è personale per farlo funzionare.