Sei in: Home \ sicurezza \ sala stampa \ dettaglio notizia

AVVISO PUBBLICO "RISTRUTTURAZIONE DEI BENI IMMOBILI CONFISCATI ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA"

Con determinazione dirigenziale n. G09587 del 21 luglio 2021, pubblicata sul BUR n. 73 del 22 luglio 2021, è stato approvato l'Avviso pubblico per la concessione di contributi per la "Ristrutturazione di beni immobili confiscati alla criminalità organizzata"

22/07/2021 - L'importo totale dei contributi concessi è di euro 1.555.842,51 e la presentazione delle domande deve avvenire tramite la Piattaforma GeCoWEB Plus (gestita da Lazio Innova) entro le ore 18:00 del 30 settembre 2021.

Il Formulario di GeCoWEB Plus dedicato all’Avviso è disponibile dalle ore 12:00 del 24 agosto 2021.

La Regione Lazio intende sostenere la ristrutturazione edilizia e impiantistica degli Immobili Confiscati alla criminalità organizzata presenti nel territorio regionale e messi a disposizione, ai sensi dell’articolo 48, comma 3, della normativa antimafia, per realizzare attività socio-assistenziale, culturale, turistico-ricreative e/o di promozione della legalità.

I Beneficiari sono:

  • Roma Capitale (anche per il tramite dei singoli Municipi nella cui circoscrizione si trovino gli immobili confiscati alla criminalità), al cui patrimonio indisponibile siano stati trasferiti, alla data di presentazione della Domanda, i beni immobili confiscati alla criminalità, utilizzati e/o da utilizzare per le finalità di cui all’articolo 1 dell’Avviso e ai sensi dell’articolo 48, comma 3, lettere c) e d) della Disciplina Antimafia. A tali beneficiari sono riservati 280.000 euro;
  • gli altri Comuni, le Province del Lazio e la Città metropolitana di Roma, al cui patrimonio indisponibile siano stati trasferiti, alla data di presentazione della Domanda, i beni immobili confiscati alla criminalità, utilizzati e/o da utilizzare per finalità di cui all’articolo 1 dell’Avviso e ai sensi dell’articolo 48, comma 3, lettere c) e d) della Disciplina Antimafia. A tali beneficiari sono riservati 964.442,51 euro;
  • gli Organismi del Terzo Settore, con riferimento ai Progetti riguardanti gli Immobili Confiscati che, alla data di presentazione della Domanda, risultino loro assegnati da parte dell’Agenzia Nazionale Beni Confiscati e/o degli enti locali del Lazio di cui alle precedenti lettere A e B ai sensi dell’articolo 48, comma 3, lettere c) e c. bis) della Disciplina Antimafia. A tali beneficiari sono riservati 311.400,00 euro.
Sono ammissibili i costi previsti dal quadro economico del progetto preliminare (o definitivo o esecutivo se già disponibile) relativo ai lavori di ristrutturazione dell’immobile confiscato, tranne poche eccezioni.

Il contributo è pari al 100% dei costi ammissibili al netto dell’eventuale cofinanziamento previsto in fase di richiesta (che è un criterio di premialità nella selezione dei progetti finanziabili).

In ogni caso il contributo non può superare:
  • 70.000,00 euro, per gli Enti Locali (beneficiari di cui alle lettere A e B);
  • 50.000,00 euro, per gli Organismi del Terzo Settore (Beneficiari di cui alla lettera C).
I lavori di ristrutturazione devono essere conclusi entro 12 mesi dalla concessione del finanziamento.

La procedura è a graduatoria e si attiva con la presentazione di una Domanda tramite GeCoWEB Plus corredata di una relazione sull’attività realizzata e da realizzarsi nell’Immobile Confiscato, del Progetto Preliminare relativo ai lavori da svolgere (o dei suoi elementi essenziali in caso di lavori di importo modesto) e di altra documentazione prevista nell’avviso (anche differente a seconda dei beneficiari).

I Progetti ammissibili formalmente saranno valutati da una Commissione sulla base di criteri predefiniti e per effetto dei punteggi attribuiti verranno stilate tre graduatorie, una per ciascuna delle tre tipologie di beneficiari, e quindi finanziati i progetti fino ad esaurimento delle risorse.