NUR 06 99 500

Seguici su:

NUR - Numero Unico Regionale 06 99 500

Cerca

Piano Territoriale di Assistenza Tecnica

Loghi PNRR

 

Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza - PNRR

Investimento 2.2 “Task force digitalizzazione, monitoraggio e performance” della M1C1 Subinvestimento 2.2.1: “Assistenza tecnica a livello centrale e locale del PNRR” Progetto CUP F81B21008070006


Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) “Next Generation Italia” – trasmesso alla Commissione europea il 30 aprile 2020 ed approvato con Decisione di esecuzione del Consiglio del 13 luglio 2021 – prevede un insieme integrato di investimenti e riforme orientato a migliorare l’equità, l’efficienza e la competitività del Paese, a favorire l’attrazione degli investimenti e in generale ad accrescere la fiducia di cittadini e imprese.

Le riforme previste dal PNRR costituiscono obiettivi generali dello stesso e puntano, in particolare, a ridurre gli oneri burocratici e rimuovere i vincoli che hanno fino ad oggi rallentato la realizzazione degli investimenti o ne hanno ridotto la produttività. Le riforme orizzontali o di contesto, d’interesse traversale a tutte le Missioni del PNRR, consistono in innovazioni strutturali dell’ordinamento, idonee a migliorare l’equità, l’efficienza e la competitività e, con esse, il clima economico del Paese. Nell’ambito delle riforme orizzontali, il PNRR promuove un’ambiziosa agenda per la Pubblica Amministrazione che prevede, tra l’altro, investimenti finalizzati alla digitalizzazione dei processi e dei servizi, rafforzamento della capacità gestionale ed il dispiegamento dell’assistenza tecnica necessaria alle amministrazioni centrali e locali onde determinare un utilizzo rapido ed efficiente delle risorse pubbliche.

Tra gli obiettivi specifici del PNRR è previsto il ricorso a uno strumento di assistenza tecnica (TA) equivalente alla creazione di un pool di 1.000 esperti che opereranno, con il coordinamento delle amministrazioni regionali, sentiti ANCI ed UPI, presso le amministrazioni del territorio (regionali, comunali e provinciali) ove si concentrano i “colli di bottiglia” meritevoli di attenzione.

In attuazione dell’articolo 9, comma 1, del decreto-legge 9 giugno 2021, n. 80, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2021, n. 113 e s.m. e del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 12 novembre 2021 recante “Riparto delle risorse per il conferimento di incarichi di collaborazione per il supporto ai procedimenti amministrativi connessi all'attuazione del PNRR.” Regione Lazio ha beneficiato dell’assegnazione di € 24.063.000,00 destinati al reclutamento di n. 76 professionisti ed esperti regolarmente contrattualizzati entro il 31/12/2021 nel rispetto della milestone collegata al target di rilevanza europea M1C1-54.

Per la concreta attuazione dell’iniziativa Regione Lazio ha rilevato le principali criticità rappresentate dalle amministrazioni territoriali e dalle direzioni regionali redigendo a valle di tale rilevazione il Piano Territoriale di Assistenza Tecnica- Progetto CUP F81B21008070006 che individua gli obiettivi da realizzare, le risorse da impiegare, le modalità di attuazione, i tempi di intervento e i risultati attesi. 

Obiettivo generale del Piano è l’attivazione di un servizio di assistenza tecnica a supporto degli Enti territoriali della Regione Lazio e delle Direzioni regionali. Gli obiettivi specifici del piano sono i seguenti:

  • Attivazione di almeno n. 3 Task Force Territoriali Multi-Disciplinari costituite ciascuna da almeno n. 16 esperti nei seguenti ambiti procedurali settoriali: Valutazioni e autorizzazioni ambientali, Bonifiche, Rinnovabili, Rifiuti, Edilizia e Urbanistica, Appalti, Digitalizzazione, Monitoraggio e Rendicontazione;
  • Attivazione di almeno n. 1 Task Force Regionale Multi-Disciplinare, costituita da almeno n. 21 esperti nei seguenti ambiti procedurali settoriali: Valutazioni e autorizzazioni ambientali, Bonifiche, Rinnovabili, Rifiuti, Edilizia e Urbanistica, Appalti, Digitalizzazione, Monitoraggio e Rendicontazione;
  • Attivazione di almeno n. 1 Segreteria Tecnica Progettuale (STP) costituita da almeno n. 7 esperti nei seguenti ambiti trasversali: Pianificazione, Gestione, Monitoraggio, Rendicontazione;
  • Attivazione di almeno n. 1 Cabina di Regia Progettuale (CdRP), con compiti di pianificazione strategica e verifiche di impatto delle attività dei professionisti ed esperti, costituita da almeno n. 4 componenti Direttori/Segretari generali di Regione Lazio, ANCI Lazio, UPI Lazio, UNCEM Lazio.

In tabella sono riportate le Task Force attivate, la competenza territoriale ed il numero di componenti.

Task Force Competenza territoriale N. Componenti
  • Provincia di Viterbo e Comuni ad essa afferenti
  • Provincia di Rieti e Comuni ad essa afferenti
16
  • Città Metropolitana di Roma e Comuni ad essa afferenti
16
  • Provincia di Frosinone e Comuni ad essa afferenti
  • Provincia di Latina e Comuni ad essa afferenti
16
  • Regione Lazio  
21
  • Regione Lazio
7


I link in tabella consentono la visualizzazione, per ogni Task Force, dell’elenco dei Profili Professionali contrattualizzati con indicazione del Settore Professionale e delle Procedure Complesse di competenza. 

Le risorse finanziarie destinate allo strumento di assistenza tecnica per le annualità successive sono erogate solo previa verifica del raggiungimento dei risultati attesi, da effettuarsi tramite monitoraggio dello stato di avanzamento delle attività e tramite valutazione periodica semestrale dei risultati, in termini di riduzione dell’arretrato e dei tempi medi dei procedimenti oggetto di attività da parte degli esperti, a partire da una baseline di dati su arretrato e tempi relativi al II semestre 2021. La milestone MC2 “Definizione della baseline (dati su arretrato e tempi relativi al II semestre 2021)” dovrà essere raggiunta entro il mese di giugno 2022. Al fine di garantire l’omogeneità e la comparabilità delle informazioni, per ciascuna tipologia di procedura oggetto di assistenza da parte degli esperti, è necessario collazionare dati secondo indicazioni e format di monitoraggio riportati nel Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 12 novembre 2021 e nel Piano Territoriale di Assistenza Tecnica.

I risultati attesi a fine progetto prevedono:

  • l’eliminazione del 100% dei procedimenti arretrati e la riduzione del gap operativo tra il carico pregresso e quello in costante arrivo tramite l’incremento di capacità amministrativa;
  • la riduzione di almeno il 20% dei tempi medi di completamento dei procedimenti, tramite l’incremento di capacità amministrativa e/o la reingegnerizzazione dei flussi procedimentali. 

In tabella si riportano i target regionali in termini di riduzione dei tempi e dell’arretrato, per ambito di procedure complesse, espressi in frazione percentuale di riduzione calcolata rispetto alla baseline rilevata entro il mese di giugno 2022 e relativa al II semestre 2021.

Ambito Procedure Complesse

Target intermedio

(dicembre 2023)

Target finale

(giugno 2025)

Riduzione arretrato (%)

Riduzione tempi medi
(%)

Riduzione arretrato (%)

Riduzione tempi medi
(%)

Valutazioni e autorizzazioni ambientali

Valutazione d’impatto ambientale (VIA) regionale.

Valutazione ambientale strategica (VAS).

Autorizzazione integrata ambientale: rilascio, rinnovo e modifiche sostanziali.

Autorizzazione unica ambientale (AUA): rilascio, rinnovo e modifiche sostanziali

20%*

10%*

100%*

20%*

Bonifiche

Approvazione e autorizzazione progetti di bonifica di siti contaminati o di messa in sicurezza.

20%*

10%*

100%*

20%*

Rinnovabili

Autorizzazione unica alla costruzione e l’esercizio degli impianti di produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili, le opere connesse e le infrastrutture indispensabili alla costruzione e all’esercizio degli impianti, nonché le modifiche sostanziali degli impianti stessi

20%*

10%*

100%*

20%*

Rifiuti

Autorizzazione unica per la realizzazione ed esercizio degli impianti di smaltimento e di recupero (art. 208, d.lgs. 152/2006) e sue varianti sostanziali (comma 19)

20%*

10%*

100%*

20%*

Edilizia, urbanistica, paesaggio

Permesso di costruire.

Procedura di variante urbanistica

20%*

10%*

100%*

20%*

Appalti

Progettazione, affidamento ed esecuzione di lavori.

Acquisti di forniture e servizi

20%*

10%*

100%*

20%*

* L’intervento intende imprimere una accelerazione allo smaltimento dell’arretrato, ponendosi quale obiettivo finale quello di un suo azzeramento. L’intervento intende altresì ridurre i tempi medi di completamento dei procedimenti. Una più puntuale indicazione del target di riduzione dell’arretrato e dei tempi medi potrà essere fornita a seguito della misurazione della baseline prevista per giugno 2022.

Ai fini operativi Regione Lazio ha implementato la procedura attuativa che prevede:

I beneficiari, Enti Territoriali e/o Direzioni regionali, potranno effettuare la richiesta del servizio seguendo le indicazioni contenute nei rispettivi, specifici, moduli di richiesta.

Con la richiesta, i beneficiari, oltra a comunicare le informazioni essenziali per la pianificazione e lo svolgimento dell’attività degli Esperti, si impegnano a fornire all’Esperto, utilizzando l’apposito “format per il report di monitoraggio”,  in coerenza con quanto previsto dal DPCM 12 novembre 2021 e dal “Piano Territoriale Di Assistenza Tecnica”, i dati ex ante ed ex post inerenti alla numerosità degli arretrati ed ai tempi medi dei procedimenti complessi per i quali è richiesto il supporto dell’Esperto la cui attività è finalizzata alla riduzione degli arretrati e dei  tempi medi dei procedimenti, come da target definiti dal “Piano Territoriale Di Assistenza Tecnica”.

Ai fini dell’erogazione del servizio, Regione Lazio, in attuazione di quanto previsto dall’art. 2 del DPCM 12 novembre 2021 gestirà le richieste, tenendo conto:

     a) del grado di coinvolgimento di ciascun livello istituzionale nelle procedure amministrative individuate come critiche nello specifico territorio regionale e indicate all’interno del “Piano Territoriale Di Assistenza Tecnica"

     b) della titolarità di tali procedure.

In fase di erogazione del servizio l’Esperto contribuirà alla riduzione della numerosità degli arretrati e dei tempi medi dei procedimenti complessi incrementando direttamente la capacità amministrativa del beneficiario e/o reingegnerizzando i flussi procedimentali.

Al termine dell’attività svolta dall’Esperto in esecuzione della singola richiesta, i beneficiari, Enti Territoriali e/o Direzioni regionali, validano l’attività svolta dall’Esperto seguendo le indicazioni contenute nei rispettivi, specifici, moduli di validazione.

Per i beneficiari, Enti Territoriali e/o Direzioni regionali, sono disponibili, in formati aperti ed editabili, i seguenti documenti di lavoro:

Modulo Enti Territoriali

Modulo di Richiesta / Format di Monitoraggio / Modulo di Validazioni per Enti Territoriali (.pdf)

Modulo di Richiesta / Format di Monitoraggio / Modulo di Validazioni per Enti Territoriali (.docx)

Modulo Direzioni Regionali

Modulo di Richiesta / Format di Monitoraggio / Modulo di Validazioni per Direzioni regionali (.pdf)

Modulo di Richiesta / Format di Monitoraggio / Modulo di Validazioni per Direzioni regionali (.docx)



 

Informazioni e contatti

Contatti

I nostri portali di utilità

collegamento al sito salutelazio.it

Portale del sistema sanitario regionale

collegamento al sito visitlazio.com

Visitlazio.com - Portale del turismo

collegamento al sito dati.lazio.it

Il portale Open Data della regione Lazio

Agenzia Regionale Protezione Civile

Il portale dell'Agenzia Regionale Protezione Civile

collegamento al sito lazioeuropa.it

Il portale dei finanziamenti regionali ed europei

Geoportale: Sistema Informativo Territoriale Regionale

Sistema Informativo Territoriale Regionale