NUR 06 99 500

Seguici su:

NUR - Numero Unico Regionale 06 99 500

Cerca

La tassa automobilistica e relativi pagamenti

La tassa automobilistica, detta anche "bollo auto", dal 1983 è una tassa di possesso e tutti coloro che, alla scadenza del termine utile per il pagamento, stabilito dal Decreto MEF 18 novembre 1998 n. 462,  risultano essere proprietari, usufruttuari, acquirenti con patto di riservato dominio, ovvero utilizzatori a titolo di locazione finanziaria,  dal  pubblico registro automobilistico, per i  veicoli  in  esso  iscritti,  e  dai registri di immatricolazione per i veicoli  in  locazione  a  lungo termine senza  conducente  e  i  rimanenti  veicoli, sono tenuti al pagamento della tassa alla Regione in cui hanno la residenza.

Per alcune categorie di veicoli, quali ciclomotori, quadricicli leggeri (cosiddette minicar), veicoli ultratrentennali, la tassa non è dovuta per effetto dell’iscrizione al PRA o nei registri di immatricolazione, ma in conseguenza della circolazione su strade.
Per questo motivo, e solo per le suddette tipologie di veicoli, è una tassa di circolazione, che va pagata ogni anno, in qualsiasi momento, senza l’applicazione di sanzioni, purché il versamento venga effettuato prima della messa in circolazione del veicolo su strade ed aree pubbliche.
 

Soggetti passivi del tributo

Al pagamento della tassa automobilistica, sono tenuti coloro che, alla scadenza del termine utile per il pagamento, risultano essere, dal Pubblico Registro Automobilistico, per i veicoli in esso iscritti, e dai registri di immatricolazione per i rimanenti veicoli:

a)    proprietari dei veicoli;
b)    locatari (utilizzatori dei veicoli), nei casi di leasing;
c)    utilizzatori dei veicoli, nei casi di locazione a lungo termine senza conducente;
d)    usufruttuari dei veicoli;
e)    acquirenti con patto di riservato dominio dei veicoli.

La tassa automobilistica è dovuta alla regione di residenza dei soggetti passivi del tributo, di cui alle sopra indicate lettere a), b), c), d), ed e).

L'obbligo di corrispondere il tributo cessa con la cancellazione dei veicoli dai predetti registri.
 

Logo pago-paLogo pago-pa

A decorrere dal 1° gennaio 2020, i pagamenti della tassa automobilistica sono effettuati esclusivamente mediante il sistema di gestione dei pagamenti denominato pagoPA, come stabilito dall’art. 38 ter DL 124/2019 convertito dalla L. 157/2019. 

PagoPA è un sistema di pagamenti elettronici realizzato dall’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID), in attuazione dell’art. 5 del Codice dell’Amministrazione Digitale, per rendere più semplice, sicuro e trasparente qualsiasi pagamento verso la Pubblica Amministrazione. 

PagoPA non è un sito dove pagare. Si tratta di una nuova modalità per eseguire pagamenti verso la Pubblica Amministrazione, tramite i Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP) come Banche, Poste, istituti di pagamento e ogni altro soggetto abilitato ad eseguire servizi di pagamento. 

Nel caso del bollo auto, il pagamento viene effettuato in collegamento in tempo reale (on-line) con l’archivio tributario della tassa automobilistica, che assicura il corretto calcolo del dovuto e l’aggiornamento automatico dello stesso. Dopo il pagamento verrà rilasciata un’apposita ricevuta.

Con pagoPA è possibile pagare il bollo auto in modo semplice e immediato, sia su canali fisici che su quelli online di banche e altri Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP), anche utilizzando l’app IO, l’app dei servizi pubblici, o altre APP per smartphone e tablet.

Di seguito un elenco non esaustivo di punti fisici e online per il pagamento del bollo auto: 

  • pagoBollo on line (servizio online di ACI denominato Bollonet)
  • le Delegazioni ACI
  • le Agenzie Sermetra
  • gli esercizi convenzionati Banca 5
  • i punti vendita Lottomatica
  • le altre Agenzie di pratiche auto autorizzate presenti sul territorio (Isaco, PTAvant, Stanet; Agenzia Italia Net Service);
  • APP IO ed altre APP per smartphone e tablet; 
  • Banche e altri Operatori aderenti all’iniziativa PSP tramite i canali da questi messi a disposizione, come ad esempio:
    • sul proprio servizio di Home Banking (riconoscibili dai loghi CBILL o pagoPA)
    • Sportelli Bancari aderenti e gli ATM abilitati; 
    • Punti vendita SisalPay; 
    • Poste Italiane, mediante pagamento on-line allo sportello e attraverso gli altri canali messi a disposizione
    • ecc.
  • presso gli esercenti convenzionati (nei bar, edicole, farmacie, ricevitorie, supermercati, ecc.)

Il costo dell’operazione è determinato dalla modalità di pagamento e dal punto di servizio prescelti.
Sarà il cittadino a scegliere il canale di pagamento fra quelle disponibili.
 

TERMINI PER IL PAGAMENTO DELLA TASSA AUTOMOBILISTICA 

La scadenza del pagamento della tassa automobilistica è determinata in base a criteri stabiliti dalle normative vigenti in materia.

  1. Acquisto veicolo nuovo o soggetto in precedenza a esenzione o interruzione dal pagamento del bollo auto

La scadenza del primo bollo è variabile e dipende da vari elementi:

  • La data di immatricolazione o di uscita da un regime di esenzione o interruzione dal pagamento della tassa automobilistica
  • Il tipo di veicolo interessato
  • La potenza

Il primo pagamento di un veicolo nuovo o di un veicolo usato soggetto in precedenza ad un regime di esenzione o di interruzione dal pagamento della tassa automobilistica, deve essere eseguito:

  1. entro la fine del mese dell'immatricolazione, nel caso di veicolo nuovo;
  2. entro la fine del mese di fuoriuscita dal regime di esenzione o interruzione dal pagamento della tassa automobilistica, nel caso di acquisto di un veicolo usato;
  3. se la data di cui alle lettere a) e b) ricade negli ultimi 10 giorni del mese, il pagamento della tassa automobilistica può essere effettuato entro la fine del mese successivo. 

In ogni caso, il mese in cui ricade la data di cui alle lettere a) e b) deve essere pagato per intero (anche nel caso che le date di cui trattasi, ricadano nell'ultimo giorno del mese).

Il calcolo dei mesi per il pagamento della tassa automobilistica non può essere mai superiore a 12 e dovrà avvenire come segue:

  1. per le autovetture e gli autoveicoli per il trasporto promiscuo, con potenza effettiva superiore a 35 KW (o a 47 CV), il pagamento deve essere effettuato per un periodo superiore a 8 mesi e fino alla scadenza di aprile, agosto o dicembre, immediatamente successivi agli 8 mesi predetti;
     
  2. per le autovetture e gli autoveicoli per il trasporto promiscuo, con potenza effettiva fino a 35 KW (o a 47 CV) e per tutti i motoveicoli, il pagamento deve essere effettuato per un periodo superiore a 6 mesi e fino alla scadenza di gennaio o luglio immediatamente successiva ai 6 mesi predetti;

 

TABELLA RIEPILOGATIVA PER I PUNTI i. ii.

 

MESE DI IMMATRICOLAZIONE O DI FUORIUSCITA REGIME ESENZIONE/INTERRUZIONE

SCADENZA AUTOVEICOLI FINO A 35 KW E MOTOVEICOLI

SCADENZA AUTOVEICOLI OLTRE 35 KW

Gennaio 2022

Luglio 2022

Dicembre 2022

Febbraio Marzo Aprile 2022

Gennaio 2023

Dicembre 2022

Maggio Giugno Luglio 2022

Gennaio 2023

Aprile 2023

  Agosto 2022

Luglio 2023

Aprile 2023

  Settembre Ottobre Novembre     Dicembre 2022

Luglio 2023

Agosto 2023

 

  1. per le autovetture e gli autoveicoli per il trasporto promiscuo, ad uso "locazione senza conducente” o di proprietà delle Società di leasing, per i quali è consentito il pagamento in forma quadrimestrale, l'importo relativo al primo periodo di pagamento va calcolato a decorrere dal mese di immatricolazione fino alla scadenza di aprile, agosto o dicembre immediatamente successivi; a tale primo periodo possono aggiungersi uno o due ulteriori periodi quadrimestrali; non è consentito il pagamento per un solo mese;
     
  2. per gli automezzi pesanti (peso complessivo a pieno carico non inferiore a 12 t), autocarri, autobus, autocaravan e altri autoveicoli speciali per i quali è consentito il pagamento in forma quadrimestrale, l'importo relativo al primo periodo di pagamento va calcolato a decorrere dal mese di immatricolazione fino alla scadenza di gennaio, maggio o settembre immediatamente successivi; a tale primo periodo possono aggiungersi uno o due ulteriori periodi quadrimestrali; è vietato il pagamento per un solo mese; per le roulottes ed altri veicoli soggetti a tassa fissa annua, il primo pagamento va eseguito versando l'intero importo fisso annuo, che avrà validità dalla data di immatricolazione fino al 31 dicembre successivo.
     

2. Veicolo non soggetto ad esenzione o interruzione dal pagamento del bollo auto

Se il bollo auto è in corso di validità alla data di vendita del veicolo, l'acquirente deve collegarsi alla data di scadenza già stabilita e rinnovare il pagamento nel mese successivo a tale scadenza.
 

3. Rinnovo pagamento periodi tributari successivi

Il rinnovo del bollo auto deve essere effettuato entro l'ultimo giorno del mese successivo a quello di scadenza (vedi TABELLA 1). Se l'ultimo giorno utile per il pagamento cade di sabato o è festivo, è possibile, senza incorrere in sanzioni ed interessi, pagare il primo giorno lavorativo successivo.

TABELLA 1

 

SCADENZA DEL BOLLO AUTO

RINNOVO PAGAMENTO

31 Dicembre

dal 1° al 31 Gennaio

31 Gennaio

dal 1° al 28 Febbraio

30 Aprile

dal 1° al 31 Maggio

31 Maggio

dal 1° al 30 Giugno

31 Luglio

dal 1° al 31 Agosto

31 Agosto

dal 1° al 30 Settembre

30 Settembre

dal 1° al 31 Ottobre

 

 

 

 

I pagamenti effettuati oltre la data di scadenza del termine ultimo di pagamento della tassa automobilistica, sono soggetti all’applicazione di sanzioni ed interessi. 

I pagamenti che si effettuano volontariamente (ravvedimento operoso) sono soggetti ad una sanzione ridotta rispetto a quella prevista dall'art.13 del D.Lg.n.471/1997 e s.m.i. (la sanzione piena è pari al 30% dell'importo dovuto a titolo di tassa automobilistica), a condizione che la violazione non sia stata già constatata e comunque non siano iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento delle quali l'autore o i soggetti solidalmente obbligati, abbiano avuto formale conoscenza. L’entità della riduzione della sanzione da corrispondere è indicata nella tabella che segue.

Esecuzione del ravvedimento operoso - Sanzione ridotta applicata

Tempi di esecuzione ravvedimento operoso

Sanzione ridotta applicata

Entro 14 giorni dalla scadenza del termine di pagamento

  0,1% dell’importo della tassa dovuta per ogni giorno di ritardo

Dal 15° al 30° giorno dalla scadenza del termine di pagamento

1,5% dell’importo della tassa dovuta

Dal 31° al 90° giorno dalla scadenza del termine di pagamento

1,67% dell’importo della tassa dovuta

Dal 91° giorno fino ad 1° anno dalla scadenza del termine di pagamento

3,75% dell’importo della tassa dovuta

Oltre il 1 °anno fino al 2° anno dalla scadenza del termine di pagamento

4,29%   dell’importo della tassa dovuta

Oltre il 2° anno dalla scadenza del termine di pagamento

5% dell’importo della tassa dovuta

Il ravvedimento operoso correttamente effettuato regolarizza il pagamento del bollo auto per la relativa periodicità. Per fruire delle sanzioni ridotte indicate in tabella, il contribuente è tenuto a versare, nei termini indicati, contestualmente all’importo della tassa non pagata alla scadenza, la sanzione e gli interessi calcolati al tasso legale, come riportato nella seguente tabella, con maturazione giorno per giorno. 

Tabella tassi di interesse legale

Dal

Al

Saggio

Norma

01/01/2021

31/12/2021

0,01%

Dm Ministero Economia 11/12/2020

01/01/2022

-------------

1,25%

Dm Ministero Economia 13/12/2021

 

I nostri portali di utilità

collegamento al sito salutelazio.it

Portale del sistema sanitario regionale

collegamento al sito visitlazio.com

Visitlazio.com - Portale del turismo

collegamento al sito dati.lazio.it

Il portale Open Data della regione Lazio

Agenzia Regionale Protezione Civile

Il portale dell'Agenzia Regionale Protezione Civile

collegamento al sito lazioeuropa.it

Il portale dei finanziamenti regionali ed europei

Geoportale: Sistema Informativo Territoriale Regionale

Sistema Informativo Territoriale Regionale