NUR 06 99 500

Seguici su:

NUR - Numero Unico Regionale 06 99 500

Cerca

Suolo

L’inquinamento da nitrati è causato prevalentemente da fattori di origine antropica: dilavamento delle superfici agricole trattate con fertilizzati azotati o con concimi organici, smaltimento di reflui zootecnici, perdita da discariche, scarichi di reflui urbani e/o industriali.

La Regione Lazio, con Deliberazione di Giunta, individua le aree vulnerabili da nitrati (ZVN) ai sensi della Direttiva 91/676/CEE e del D. Lgs. 152/2006. All’interno delle Zone Vulnerabili da Nitrati le aziende agricole devono rispettare il Codice di Buona Pratica Agricola (CBPA) e quanto indicato dal Regolamento Regionale “Programma d’azione per le zone vulnerabili da nitrati di origine agricola” per le limitazioni l’uso di concimi azotati, fertilizzanti organici, ammendanti e effluenti di allevamento.

 

  • DGR n. 25 del 30/01/2020 - Aggiornamento delle Zone Vulnerabili da Nitrati di origine agricola ai sensi dell'art. 92 del D.Lgs.152/2006 e conferma delle Zone Vulnerabili da Nitrati di origine agricola individuate con D.G.R. 767 del 6 agosto 2004. Pubblicata sul BURL n. 14 del 18/02/2020 
  • DGR n. 374 del 18/06/2021 - Aggiornamento delle Zone Vulnerabili da Nitrati di origine agricola ai sensi dell’art. 92 del D.Lgs.152/2006 e conferma delle Zone Vulnerabili da Nitrati di origine agricola individuate con D.G.R. 30 gennaio 2020, n. 25.Pubblicata sul BURL n. 62 del 24/06/2021.
  • DGR n. 523 del 30/07/2021 - Rettifica della deliberazione 18 giugno 2021, n. 374 avente ad oggetto: “Aggiornamento delle Zone Vulnerabili da Nitrati di origine agricola della Regione Lazio, ai sensi dell'art. 92 del D.Lgs. 152/2006 e conferma delle Zone Vulnerabili da Nitrati di origine agricola individuate con D.G.R. 30 gennaio 2020, n. 25”. Pubblicata sul BURL n. 91 del 23/09/2021 

 

I fitofarmaci, detti anche prodotti fitosanitari o agro farmaci, sono prodotti naturali o di sintesi utilizzati per la protezione delle piante e per la conservazione dei prodotti vegetali.

Queste sostanze possono provocare effetti negativi sull’uomo e sull’ambiente. In funzione delle caratteristiche molecolari, delle condizioni di utilizzo e di quelle del territorio, possono migrare e lasciare residui nell’ambiente e nei prodotti agricoli, con un rischio immediato e/o nel lungo termine per l’uomo e per gli ecosistemi.

L’attuale monitoraggio delle sostanze fitosanitarie è ai sensi del Piano Regionale di controllo dei prodotti fitosanitari ed è effettuato da ARPA Lazio.

L’utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione residuate dalla lavorazione meccanica delle olive è finalizzata all'utilizzo delle sostanze nutritive e ammendanti contenute nelle stesse.

Lo spandimento delle acque di vegetazione e delle sanse umide deve essere praticato nel rispetto dei criteri generali di utilizzazione delle risorse nutritive ed ammendanti e dell’acqua in esse contenute, ai sensi  dalla Legge 11 novembre 1996, n. 574 e dal Decreto del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali del 6 luglio 2005, e deve essere realizzato assicurando una idonea distribuzione ed incorporazione delle sostanze sui terreni in modo da evitare conseguenze tali da mettere in pericolo l’approvvigionamento idrico, nuocere alle risorse viventi e al sistema ecologico.

La Regione Lazio, in adempimento della normativa vigente, invia al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali i dati sull’utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione nel territorio regionale.

L'utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento è finalizzata al recupero delle sostanze nutritive ed ammendanti contenute negli stessi. Per poter utilizzare agronomicamente gli effluenti di allevamento e alcune acque reflue è necessario presentare una Comunicazione in modalità telematica al SUAP del comune in cui sono ubicati i terreni oggetto di spandimento.

La Regione Lazio acquisisce i dati sull’utilizzo dei reflui zootecnici agricoltura e li invia al Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e alla Commissione Europea, in adempimento della normativa vigente.

  • Direttiva 91/676/CEE del Consiglio, del 12 dicembre 1991, relativa alla protezione delle acque dell'inquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole                           
  • Decreto Ministeriale 25/02/2016 - Criteri e norme tecniche generali per la disciplina regionale dell'utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento e delle acque reflue, nonche' per la produzione e l'utilizzazione agronomica del digestato. (16A02762) (GU Serie Generale n.90 del 18-04-2016 - Suppl. Ordinario n. 9) 

I nostri portali di utilità

collegamento al sito salutelazio.it

Portale del sistema sanitario regionale

collegamento al sito visitlazio.com

Visitlazio.com - Portale del turismo

collegamento al sito parchilazio.it

Portale delle aree naturali protette del Lazio

Agenzia Regionale Protezione Civile

Il portale dell'Agenzia Regionale Protezione Civile

collegamento al sito lazioeuropa.it

Il portale dei finanziamenti regionali ed europei

Geoportale: Sistema Informativo Territoriale Regionale

Sistema Informativo Territoriale Regionale